Menu

 

  al 20 aprile 2017 nessuna risposta !

intanto noi inauguriamo la prima grazie all'ospitalità de Lo Zio !

 

                                                                          

     

                     

Progetto “Piccola biblioteca libera”

            Le “Piccole biblioteche libere” nascono di recente e possono ricordare il fenomeno del book-crossing, che nel nostro Sarteano tanto successo ha riscosso con il “carrellino rosso” posto al di fuori della Biblioteca di Corso Garibaldi n.16 (tra l’altro, avendo di recente richiesto un piccolo contributo volontario ai “fruitori” del servizio, sono già stati raccolti oltre 70 euro).

            La prima “Little Free Library” italiana nasce a Roma, precisamente nel parco dell'Inviolatella Borghese, dove nel 2012 è stata installata una casetta dedicata al libero scambio di libri; a marzo di questo anno, a Fiesole,  è nata una piccola libreria libera tutta toscana, posizionata nella centralissima piazza Mino da Fiesole.

            Una sostanziale differenza con il book-crossing è rappresentata dal luogo in cui i libri sono custoditi e scambiati: una casettina di legno, una piccola libreria a tutti gli effetti, dove scambiare libri o anche trovarne da leggere senza particolari impegni di sottoscrizione e/o affiliazione e, comunque, al di fuori delle biblioteche, pubbliche o private, comunque con orari di apertura determinati.

            I luoghi più gettonati per la collocazione delle casette sono i parchi o spazi condivisi ed è sufficiente collocare in modo visibile, ma non disturbante le casette in legno, riempirle di volumi e tenerle costantemente rifornite nel caso che siano maggiori i prelievi piuttosto che i depositi. La regola fondamentale è, infatti, “libro che prendi, libro che doni

            In una prima fase sperimentale, l’Associazione, in collaborazione con la Biblioteca comunale,  prevedrebbe l’installazione di due casette: la prima nel Parco Mazzini in vicinanza dell’area attrezzata per i giochi dei bambini, la seconda in Viale Europa; le spese per la costruzione e gestione (salvo che il Comune non possa contribuire) sarebbero sostenute dall’Associazione, che provvederà altresì alla manutenzione e rifornimento dei volumi.

            Ove realizzato il progetto potrà essere segnalato e registrato sul sito americano (littlefreelibrary.org) in modo che le due piccole librerie vengano geolocalizzate, mettendo in evidenza l’iniziativa del Comune di Sarteano.

 

 

Vai all'inizio della pagina